Gian Domenico Comporti – La rinegoziazione dei contratti pubblici: una via per il ripensamento di antichi paradigmi

Gian Domenico Comporti – Professore Ordinario di Diritto amministrativo, Università degli Studi di Siena -(giando.comporti@gmail.com)

SOMMARIO

1. La strana voglia di confini.
2. Il mondo dei contratti pubblici e la sindrome della terra di nessuno.
3. Il principio realizzativo del risultato: un primo passo verso la relativizzazione della sirena dell’eterno ritorno dei poteri pubblicistici nel ciclo di vita dei contratti pubblici.
4. Il principio di conservazione dell’equilibrio contrattuale: fonti per una nuova prospettiva di analisi e di gestione delle sopravvenienze.
5. Presupposti, contenuto ed effetti della rinegoziazione dei contratti pubblici: alla scoperta di un diritto soggettivo di nuovo conio, anche se operativamente e finanziariamente condizionato.
6. Il procedimento di rinegoziazione e le sue evenienze patologiche.
7. Il versante rimediale della rinegoziazione: giurisdizione, terzi e azioni esperibili.
8. Conclusioni: la terra di nessuno come laboratorio di ibridazioni per la nascita di nuove categorie generali.

Il nuovo principio della conservazione dell’equilibrio contrattuale è analizzato nella più ampia prospettiva della rivisitazione di antichi paradigmi dei contratti pubblici, arrivando a prefigurare un assetto che, anche sul piano della tutela giurisdizionale, appare più in linea con le esigenze di certezza e affidabilità che caratterizzano la realizzazione delle commesse pubbliche.


The new principle of the preservation of contractual balance is analyzed in the broader perspective of the revisitation of ancient paradigms of public contracts, coming to prefigure a structure which, also in terms of jurisdictional protection, appears more in line with the needs of certainty and reliability that characterize the realization of public contracts.

Scarica articolo

Lascia un commento